“Fratelli miei, voglio mandarvi tutti in Paradiso!”. Con queste parole il 2 agosto 1216 il Padre San Francesco annunciò ai suoi fratelli e a tutte le persone giunte alla Porziuncola di aver ottenuto da Papa Onorio III  l'indulgenza plenaria da tutti i peccati per tutti coloro che, pentiti e confessati, avrebbero varcato la soglia delle piccola chiesa. Da allora ogni anno a Santa Maria degli Angeli, nella piana di Assisi, milgiaia di fedeli si recano in visita allla Porziuncola per ritrovare la pace e il perdono. Una devozione passata attraverso otto secoli e che oggi, 1 agosto, dalle ore 12 fino alla mezzanotte di domani, si rinnoverà ad Assisi e in tutte le chiese parrocchiali e francescane. Il Perdono di Assisi o Indulgenza delle Porziuncola si ottiene per sé o per i defunti ad alcune condizioni.

Eccole:

Dal mezzogiorno del 1° Agosto alla mezzanotte del giorno seguente si può ottenere una sola volta l’indulgenza plenaria della Porziuncola. Sono necessarie:

  • confessione sacramentale per essere in grazia di Dio (negli otto giorni precedenti e seguenti);
  • partecipazione alla Messa e Comunione eucaristica;
  •  visita alla chiesa della Porziuncola in Assisi, o ad una chiesa parrocchiale, o ad una chiesa francescana dove si rinnova la professione di fede, mediante la recita del Credo, per riaffermare la propria identità cristiana;
  • la recita del Padre Nostro, per riaffermare la propria dignità di figli di Dio, ricevuta nel Battesimo;
  • una preghiera secondo le intenzioni del Papa, per riaffermare la propria appartenenza alla Chiesa, il cui fondamento e centro visibile di unità è il Romano Pontefice.
  • una preghiera per il Papa.

Sul Perdono di Assisi leggi anche qui.