Torniamo alle origini

di FR. ENRICO 
ll presente numero che avete tra le mani apre un nuovo anno pastorale e per questo motivo ci spinge a ripartire dalle origini, puntando la nostra attenzione sulla storia del nostro Santuario, nonché su quanto continua a gravitare intorno ad esso oggi. La memoria si fa grata verso il Signore che continua ad operare meraviglie attraverso questo luogo di grazie a diverse categorie di persone: poveri e ricchi, grandi e piccoli, credenti e non credenti.

Un nuovo anno pastorale comincia e – come sempre – ognuno di noi è chiamato a rimboccarsi le maniche e mettersi in gioco, in modo da percorrere un ulteriore pezzettino di strada alla ricerca del volto luminoso e misterioso del Signore Gesù Cristo, il quale ama nascondersi tra le pieghe del mondo di oggi, caratterizzato da paura e incertezze, per fecondarlo e riaccendere l’entusiasmo e la gioia di scoprirsi dono per gli altri.
Un sano ritorno alle origini ci aiuterà a legarci alla storia che ci precede e a non sentirci spaesati – come se dovessimo partire sempre da zero – ma consapevoli che c’è una lunga storia che ci precede e che noi – raccogliendo il testimone – siamo chiamati a fare la nostra parte, accompagnati da Cristo e da tanti fratelli e sorelle.
Il cammino, allora, si fa sempre più interessante, in quanto ci sentiamo inseriti in una storia più grande di noi che ci precede, avvolge e accompagna e che attende da noi il nostro “Eccomi!” per generare un rinnovato spazio vitale dove altri possano sentirsi a casa e diventare – a loro volta – generativi, così come le diverse storie raccontate in questo numero ci testimoniano.