Pronti a donarci a ogni richiamo di bene

GiFraDurante il fine settimana appena trascorso noi giovani della GiFra, che ci accingiamo a rinnovare la Promessa o a promettere per la prima volta, abbiamo avuto la grazia di poter condividere un momento di comunione sincera nel convento dei frati cappuccini di Lovere.

In questi due giorni, colmi della bellezza che in quel luogo trasuda da ogni angolo, ci è stata data la possibilità di riflettere sul dono dei fratelli e di prepararci ad assumere con consapevolezza gli impegni che la Gioventù Francescana si propone.

Grazie alle preziose catechesi di fra Massimo e delle sorelle clarisse, agli ampi spazi di raccoglimento silenzioso o di condivisione, ai momenti di preghiera, la nostra fede si è fatta ancor più consistente e il bisogno di camminare insieme più sentito.

Preghiamo affinché il nostro desiderio di avere l'Eucarestia come centro, il Vangelo come guida, la Chiesa come Madre e i poveri e gli ultimi come fratelli non rimanga costituito da parole vuote, ma si traduca in un impegno di vita concreto.

GiFraLovereChe il comandamento di amore verso il Padre e il prossimo possa rinsaldarci nella volontà di vivere mettendo Cristo al primo posto quotidianamente, sull'esempio di Francesco.

Che la vita di Gesù sia non solo un modello, ma uno specchio in cui ciascuno di noi possa scrutare "... continuamente il tuo volto”, come scrive Santa Chiara nella quarta lettera ad Agnese.

Che l'essere membra di uno stesso corpo, cioè la Chiesa, ci ricordi il privilegio di essere figli di un unico Padre e fratelli tra noi, con la benedizione dello Spirito Santo.

Che la missione del servizio non sia mai vista come un peso o un obbligo, ma in quanto gioioso e gratuito accordo allo spirito evangelico.

Con questo augurio nel cuore, ci incamminiamo verso la promessa affidandoci al Signore, che ci ha riuniti nel Suo nome in questa fraternità.

Delia