Condividiamo la testimonianza di Alberto e Chiara, una giovane coppia di "promessi sposi".
In una calda sera di inizio estate bussammo alla porta del convento e incontrammo fra Enrico. Il nostro desiderio era di essere accompagnati nel cammino di preparazione al nostro matrimonio, cogliendo in esso l’opportunità di iniziare un cammino spirituale di coppia.

Con dubbi e preoccupazioni, ma anche con tanta voglia di mettersi in gioco, il percorso prese forma. Dopo il primo incontro provvidenzialmente si unirono a noi Marco e Manuela, anche loro una coppia di futuri sposi.
Prendendo spunto dalle parole di Papa Francesco che sostiene che il matrimonio è un'alleanza artigianale, in quanto l’amore s’impara e s’affina (Udienza generale del 27/05/15), ci sentiamo a nostra volta di definire questo percorso “artigianale”. Infatti esso è stato strutturato con amore, impegno e un pizzico di sana improvvisazione; partendo sempre dalla parola del Vangelo come guida, ci siamo calati nella nostra quotidianità confrontandoci e condividendo esperienze e dinamiche di coppia. Incontro dopo incontro il timore iniziale è svanitolasciando posto alla fiducia e alla speranza; crescevano nel gruppo sintonia, complicità e una delicata intimità. Per questo ci sentiamo di chiamarlo percorso e non semplicemente corso. Per noi non sono solo stati incontri didattici, frontali o un’esperienza fine a se stessa, Per noi è stato compiere insieme un pezzo molto importante del nostro cammino che ci ha portato a prendere consapevolezza del sacramento che riceveremo. È stato piantato in noi un seme che custodiremo e proteggeremo come dono prezioso, e soprattutto ci impegneremo per farlo crescere e splendere!

La nostra gratitudine è quindi immensa e in particolare vogliamo ringraziare le coppie guida e i professionisti per le loro preziose testimonianze, grazie a Marco e Manuela per aver condiviso con noi questo percorso sostenendoci vicendevolmente, grazie alla fraternità per la loro gioiosa accoglienza e ospitalità, e naturalmente grazie di cuore a fra Enrico per aver reso possibile tutto ciò e soprattutto per averci accompagnato e avvicinato alla parola di Dio.

                                                                                                                                                                Alberto e Chiara