Sulla grazia

fr. Enrico

“Ma l'uomo lasciato alle sue forze non comprende le cose dello Spirito di Dio: esse sono follia per lui e non è capace di intenderle, perché di esse si può giudicare per mezzo dello Spirito” (1Cor 2,14).
Questo pensiero di Paolo ci porta ad una constatazione per nulla ovvia e scontata: noi siamo convinti che essere cristiani dipenda dai nostri sforzi, come se tutto fosse legato a strategie da utilizzare oppure a chissà quali forme di ascesi per raggiungere obiettivi determinati, imposti da altri o prefissati da noi.
Tutto il Vangelo invece, e S. Paolo in questo passo, ci ricordano che senza la grazia di Dio non possiamo fare nulla. Lasciati a noi stessi non sappiamo neanche alzare la testa verso il cielo, né desiderare una vita alta e altra rispetto alla pura sopravvivenza biologica, in balia degli istinti. Solo la grazia divina ci abilita a scrutare le realtà del cielo e a familiarizzare con il mondo di Dio.
Per quanto noi possiamo avere il senso del divino e coltivare desideri che vanno oltre noi stessi, oltre ciò che i nostri sensi possono percepire, rimaniamo incollati alla terra se il Signore non ci eleva al cielo. Solo la grazia di Dio può guidarci a intuire, contemplare, gustare la vita nello Spirito, per la quale, peraltro, siamo stati creati.
Noi, per natura, volgiamo alle cose della terra tutta la nostra attenzione, certi che questa è tutta e la sola nostra vita. Ma la grazia di Dio può aprirci gli occhi e farci scorgere che, in realtà, un mondo nuovo chiede di venire alla luce attraverso il nostro sì! Proprio come la Vergine Maria, lei che, chiamata dall'Angelo "piena di grazia", ha concepito Gesù attraverso l'intervento dello Spirito Santo e così ha potuto dare alla luce il Salvatore del mondo, Colui che ha cambiato per sempre il destino della storia.
Ci possiamo e vogliamo convincere che senza la grazia di Dio non possiamo fare nulla, ed è proprio così, in effetti tutti i precetti del Signore, ma anche il solo "comandamento dell'amore", ci appaiono gravosi ed impossibili da mettere in pratica con le nostre povere forze.
Solo la grazia di Dio può abilitarci alla sequela di Gesù e mostrarci una possibilità concreta di riuscita della nostra esistenza. La vita spirituale è possibile solo attraverso il dono della grazia dello Spirito Santo. Sapere questo, e crederlo fermamente, sgombra il campo della nostra vita da tanti ostacoli e ci libera da tanti pesi inutili, da ansie di perfezione e di prestazione, dalla delusione costante dell’insuccesso, dalla “paura del giudizio”...
Non ci sono altre possibilità!
La realtà, poi, in tutti i suoi aspetti, in particolare quelli più difficili e dolorosi, riceve luce quando è vissuta nella Grazia, ed allora vi traspare il Dio con noi.
Apriamoci alla grazia di Dio e lasciamoci salvare dal Signore, consapevoli che tutto è grazia e dono Suo. E viviamo di conseguenza!


Contatti

Via Ada Negri, 2
27100 - Pavia
Tel. +39 0382 26002
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici

Orari

SS. Messe feriali: 8.15; 18.30
SS. Messe festive: 11.30; 18.30
Confessioni: tutti i giorni (tranne il venerdì pomeriggio) dalle 8.45 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00