Sul Vero Natale

admin

È inutile gridare "al ladro al ladro" quando il furto è già avvenuto… Si sarebbe dovuto vigilare prima per custodire gelosamente tutto ciò che ci sta a cuore…
Il paragone può sembrare azzardato, ma ci può aiutare a dirimere la questione spinosa del Santo Natale. Tanti pensano che qualche “cattivo” voglia rubarcelo, senza comprendere che la questione è molto più profonda ed interiore: siamo noi ad aver smarrito il senso del vero Natale, e il tempo dell'Avvento, che ogni anno ci viene donato, è sempre un periodo propizio e benedetto per preparare il cuore ad accogliere il bambino Gesù.
La Buona Notizia da abbracciare è che Dio non si è stancato dell'umanità ma, anzi, ci rinnova la sua fiducia mandando a noi, anche quest'anno, il suo Figlio Gesù. Non si tratta di commemorare un evento accaduto duemila anni fa, ma di rivivere il mistero di un Dio che sceglie ancora oggi di farsi carne, per condividere in pienezza la nostra umanità ed essere per sempre il “Dio con noi”.
S. Francesco, realizzando il presepe di Greccio, ci ha donato la giusta chiave per ritrovare il vero senso del Natale perduto e ritrovato, ma che, in realtà, non si è mai smarrito, semmai siamo noi a perdere continuamente il senso autentico delle realtà che Dio continua a rivelarci. Il Poverello di Assisi ci consegna il suo segreto quando associa alla rappresentazione Sacra del presepe, la Santa Eucaristica, e ci suggerisce che Betlemme è dipendente ed inseparabile da Gerusalemme.
Possiamo comprendere la nascita di Gesù solo se facciamo riferimento alla sua morte. Solo se ci lasciamo conquistare dall'immenso dono d'Amore presente nell’Eucaristia, celebrata dal Cristo sull'altare del Golgota, accogliamo il tenero abbraccio di quel Bambino.
Allora il Natale non sarà più, semplicemente, un frastuono di luci e di suoni, ma il ricordo amoroso di una possibilità nuova di vita, che Dio ha donato all'umanità. Allora non ci sentiremo più derubati, ma ricchi e pieni del Suo Amore.
Ancora oggi, per ciascuno di noi, è possibile ripartire e realizzare tutto il bene che portiamo nel cuore, in forma di desiderio. Contemplando quel Bambino che, ancora oggi, si dona a noi nell'Eucaristia, possiamo accogliere la promessa di vita nuova che Dio ristabilisce per tutti noi.
E allora sarà vero Natale se Dio nascerà nei nostri cuori, prendendo forma in gesti nuovi, che esprimano concretamente il desiderio di dare la vita, perché l'altro possa realizzare la propria vocazione alla vita vera che il Bambino Gesù è venuto a rivelarci.
Un augurio di vero Natale a tutti noi!


Contatti

Via Ada Negri, 2
27100 - Pavia
Tel. +39 0382 26002
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici

Orari

SS. Messe feriali: 8.15; 18.30
SS. Messe festive: 11.30; 18.30
Confessioni: tutti i giorni (tranne il venerdì pomeriggio) dalle 8.45 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00