Sul Matrimonio

fr. Enrico

Da sempre l’uomo e la donna sono attratti reciprocamente e desiderano trascorrere insieme i loro giorni attraverso un’unione stabile, duratura, riconosciuta e tutelata. Questo consente loro di costruire una casa, che permetta di accogliere e custodire i figli che arriveranno come dono atteso e sperato.
Con l’avvento di Cristo, il Matrimonio è stato elevato al rango di Sacramento, ovvero un’istituzione umana è entrata a far parte della sfera del divino: gli sposi, forti del loro battesimo, vengono uniti ancora più saldamente al loro Signore e tra loro, con un amore che rimanda a quello tra Cristo e la Chiesa, del quale la relazione tra gli sposi è immagine visibile e testimonianza concreta nel mondo e per il mondo.
Consapevoli di come questa istituzione sia fortemente in crisi, vogliamo credere che il Matrimonio Sacramento, istituito da Cristo e custodito dalla Chiesa, conservi ancora tutte le prerogative e le sue promesse. Puntualizziamo subito che non è in crisi il Sacramento per il fatto che tanti matrimoni falliscono, ma il cammino di fede dei coniugi, i quali pronunciano la “Formula di Consenso” dimenticando Colui che è il vero Garante della loro unione. Il passaggio fondante e fondamentale della Formula è “Con la grazia di Cristo”, da qui gli sposi sono chiamati ogni giorno a ripartire per avere una possibilità concreta di arrivare a fine giornata con la loro Promessa salvaguardata.
Non vogliamo qui discutere su altre modalità di vivere il Matrimonio. A noi preme sottolineare quello cristiano che vede il Cristo come il protagonista indiscusso. Gli sposi devono maturare la profonda verità che lo Sposo per entrambi è il Signore Gesù, il quale custodisce la loro unione con un vincolo così saldo che diventa indissolubile. L’indissolubilità, infatti, più che una legge ecclesiastica è un’esigenza dell’amore. È l’amore dei coniugi che desidera essere per sempre e questo rimane possibile anche dopo la morte, solo in Cristo.
Gli sposi possono sperare tutto questo e molto di più, non perché si appoggiano reciprocamente l’uno all’altra, ma perché Cristo rimane il fondamento e il custode del loro amore. Questo non li libera dai loro problemi quotidiani, dalle difficoltà di vario genere che emergeranno, da fatiche legate al carattere e alla propria storia personale, ma con la grazia di Cristo tutto diventa possibile, attraverso un sì ripetuto quotidianamente con gioia. Guardare al Signore Gesù e provare a ricalcare le sue orme rappresenta l’unica garanzia di un Matrimonio felice e riuscito.
La buona notizia data agli sposi, chiamati a viverla e testimoniarla, è che con la loro unione essi manifestano visibilmente l’amore di Dio per tutta l’umanità esercitando il dono della misericordia nella propria famiglia e nei diversi ambiti della loro vita. In questo modo manifestano al mondo di essere generativi come Dio.

Contatti

Via Ada Negri, 2
27100 - Pavia
Tel. +39 0382 26002
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici

Orari

SS. Messe feriali: 8.15; 18.30
SS. Messe festive: 11.30; 18.30
Confessioni: tutti i giorni (tranne il venerdì pomeriggio) dalle 8.45 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00